PROGRAMMA

Da mercoledì 10 a sabato 27 agosto 2022 in via Serenissima a Brescia si terrà la XXX Festa di Radio Onda d’Urto: 18 serate di grande musica, incontri, dibattiti, presentazioni di libri, dj set, enogastronomia e tanto altro ancora!

Clicca qui per restare aggiornat@

I primi annunci dei concerti sul palco principale:

Giovedì 11 agosto 2022 – Ben Harper & The Innocent Criminals. Costo: 30 euro + dpp. Prevendite già aperte: acquista il tuo biglietto qui (mailticket.it) oppure qui (ticketone.it)!

Venerdì 12 agosto 2022 – Caparezza con “Exuvia Tour”. Costo: 25 euro + dpp. Prevendite già aperte: acquista il tuo biglietto qui (mailticket.it) oppure qui (ticketone.it)

Sabato 13 agosto 2022 – Immanuel Casto + Karma B

Lunedì 15 agosto 2022 – Nebula + Ufomammut

Martedì 16 agosto 2022 – Willie Peyote + Hu

Giovedì 18 agosto 2022 – Laura Cox + The Hormonauts

Venerdì 19 agosto 2022 – Mellow Mood

Martedì 23 agosto – Noyz Narcos + Ketama 126

Mercoledì 24 agosto – Punkreas

Giovedì 25 agosto 2022 – Ernia

Venerdì 26 agosto – Myss Keta + Ditonellapiaga

NB: le prevendite sono aperte solo per i concerti di Ben Harper e Caparezza. Per gli altri concerti non ci sono prevendite: non servono! L’area feste è molto ampia e contiene anche stand per mangiare e bere. Vieni direttamente ai cancelli della Festa la sera del concerto che ti interessa. Apertura porte: ore 19.00. Inizio concerto artista principale verso le ore 21.00-21.30 (salvo diverse comunicazioni).

Cos’è la Festa di Radio Onda d’Urto? Serate di socialità libera e liberata, dibattiti, incontri, grande musica live, libri, autoproduzioni dal basso, enogastronomia, confronto e scambio reciproco. E tanto, tanto altro ancora, a sostegno di Radio Onda d’Urto, emittente antagonista nata il 18 dicembre 1985 e che da allora trasmette tutti i giorni senza un secondo di pubblicità. Siamo in via Serenissima a Brescia (100 metri dal capolinea sud della metropolitana, Sant’Eufemia – Buffalora).

– MAGLIETTA ZEROCALCARE: è possibile ottenere la maglietta benefit di Radio Onda d’Urto, con un disegno originale realizzato ad hoc da Zerocalcare, a fronte di una donazione da 25 euro alla Radio. Le magliette si trovano nella nostra sede di via Luzzago, 2/B a Brescia (info: 03045670).

– 5X1000 : è possibile devolvere a Radio Onda d’Urto, all’interno della propria dichiarazione dei redditi, il 5×1000 (ex Onlus).

Il codice da inserire è : 02084620174.

ABBONATI E FAI ABBONARE A RADIO ONDA D’URTO…BASTANO 7 EURO AL MESE: CLICCA QUI!

Per restare in contatto:

festaradio.org

Facebook

Twitter

Instagram

#‎festaradio‬ ‪#‎brescia‬

Telefono: 030.45670

Indirizzo redazione: via Alessandro Luzzago, 2/b Brescia.

Infoline durante le serate della Festa: 335.1220759 (anche WhatsApp).

_____________________________

CHI SIAMO 

“Nel 1985 cominciavano, in una cantina di Vicolo delle Sguizzette, a Brescia, le trasmissioni di Radio Onda d’Urto. Accompagnando i fermenti sociali, giovanili e studenteschi, che in quel lontano 1985 anche nella nostra città riaffioravano oltre la cappa repressiva dei primi anni Ottanta, prendeva così corpo quel progetto di comunicazione antagonista agito soprattutto da giovani compagni e compagne universitari e studenti medi. In uno dei volantini che pubblicizzavano il nostro primo palinsesto scrivevamo: “L’informazione è merce e nello stesso tempo strumento di comando e controllo sociale. Radio onda d’urto, emittente comunista di Brescia, vuole essere il granello di sabbia nel mostruoso ingranaggio della disinformazione del sistema della costruzione del consenso, vuole essere la voce di tutte quelle realtà (di lotta, sociali, politiche, culturali) che il sistema vorrebbe costrette al silenzio; è l’unica emittente di Brescia non commerciale, autogestita e finanziata dai suoi ascoltatori e ascoltatrici. Radio onda d’urto è ripristino dell’informazione negata dal capitale e dai media, è comunicazione altra, antagonista.”

In questi lunghi anni siamo usciti dalle cantine, abbiamo trovato casa, ci siamo rafforzati, siamo cresciuti e cambiati ma senza recidere le nostre radici e senza perdere quell’aspirazione originaria a voler non solo comprendere il mondo, ma trasformarlo. Abbiamo affrontato il terreno, per noi anche di lotta, della comunicazione attrezzandoci perché la radio diventasse uno strumento di analisi critica adeguato e all’altezza delle sfide che il nuovo millennio ci poneva…”